venerdì 17 febbraio 2012

Videovisione - Capitolo 2: video Marketplace, Crowdsourcing e monetizzazione dei video

Continuiamo con Videovisione, la rubrica dedicata all'esplorazione delle piattaforme video-oriented più in voga del momento. In questo secondo capitolo, vediamo quali sono le piattaforme di video marketplace, di crowdsourcing e i servizi che permettono di monetizzare i video.

Piattaforme di video marketplace
(FootageFirm, Shutterstock Video, GotFootage, Stock Footage…)
Attualmente i video venduti in modalità marketplace sul Web sono i cosiddetti “video footage”. In ambito cinematografico, footage è un termine che si usa per descrivere film realizzati parzialmente o interamente con un metraggio preesistente, successivamente riassemblati in un nuovo contesto (mashup, commerciale).
Alcuni siti prevedono la vendita in stock di video footage, con modalità simili (abbonamento e/o crediti) ai siti che vendono stock di foto (Istockphoto, Shutterstock, Fotolia)

Piattaforme di video crowdsourcing
(Userfarm, Poptent.net, Tongal.com, Youtube per chi ne è partner…)
I siti di video crowdsourcing permettono a un’azienda o a un’istituzione di richiedere, ad un insieme distribuito di persone organizzate in una comunità virtuale, lo sviluppo di un progetto o di un prodotto video, remunerando i progetti migliori per il committente.

Altri servizi video online
(Hulu, Netflix, Primoitalia…)
Vi sono poi altri tipi di servizi video online, incentrati prevalentemente sull’utenza di tipo End User: sono i servizi di Internet TV, aggregatori di contenuti audiovisivi forniti gratuitamente o premium a pagamento.

Un caso particolare di monetizzazione di contenuti video con PayPal: Dynamo Player
Dynamo Player, una startup attualmente in beta, è un player che ha lo scopo di semplificare il processo di pubblicazione di video con finalità di monetizzazione, e lo fa integrando all’interno del player un sistema di pagamento tramite PayPal, eventualmente con la possibilità di guardare un’ anteprima del contenuto, in modo che gli utenti possano avere una chiara idea di cosa si tratta e decidere se pagare una piccola quota per guardarlo interamente .
Funziona con un sistema di revenue share: non ha costi di iscrizione ma di ciò che l’utente guadagna Dynamo Player trattiene il 30% . Quando un utente paga il prezzo (tra un minimo di  0.99  ed un massimo di  11.99 $) per guardare un video, automaticamente resterà il 70% al video publisher.
Per vedere un esempio.

Nel prossimo capitolo di Videovisione vedremo da vicino il ventaglio di funzionalità che ha a disposizione un utente nel momento in cui decide di uploadare il proprio video online.
A presto! 

Nessun commento:

Posta un commento